Marconi
  Normativa
  Le Sezioni ARI
  Radamato
  Mercatino
   
   
   
   
   

 

:: DIPLOMI > DIPLOMI GESTITI DALLA NOSTRA SEZIONE > DIPLOMI DEI CASTELLI DELLA PUGLIA
REGOLAMENTO

1)       L’A.R.I.- Sezione di Taranto, in collaborazione con la Sezione A.R.I. di Mondovì (Cuneo), che gestisce il Diploma dei Castelli d’Italia, e con il Comitato Regionale Puglia e le Sezioni ARI della Puglia, istituisce il Diploma dei Castelli della Puglia che verrà rilasciato ad O.M. e S.W.L. al fine di far conoscere i Castelli, Torri, Masserie fortificate, ecc. (d’ora in poi semplicemente Castelli) esistenti nel territorio regionale, valorizzandone il patrimonio storico ed architettonico.

2)       Per incentivare l’attività dei Soci, ciascuna Sezione potrà individuare nell’arco dell’anno solare un week-end dedicato all’attivazione intensiva delle referenze del territorio. In quella occasione, secondo un calendario pre concordato a livello regionale, i Dirigenti di Sezione, tramite i propri Soci, si impegnano ad attivare almeno un Castello, utilizzando il proprio Nominativo di Sezione, o altro nominativo a descrizione di chi farà l’attivazione.

3)       Per l’ottenimento del Diploma, il richiedente dovrà dimostrare di aver collegato e confermato con cartolina QSL il seguente numero di referenze:

Stazioni Italiane: 20 Castelli della Puglia di cui almeno uno da tre diverse province pugliesi per le bande HF.

Stazioni Italiane:  5 Castelli della Puglia di cui almeno uno da due diverse province pugliesi per le VHF (50 MHz e superiori).

Stazioni Straniere: 10 Castelli della Puglia con almeno un Castello da tre diverse province pugliesi per le bande HF o VHF.

Le sigle delle cinque Province della Puglia sono: BA - Bari, TA - Taranto, FG - Foggia, LE -  Lecce,BR – Brindisi. .

4)       I collegamenti possono essere effettuati su tutte le bande radio amatoriali, dai 2 ai 160 metri, e nei seguenti modi di emissione: SSB, CW, RTTY, PSK31, SSTV.

5)       Hanno validità le qsl che si riferiscono ad attivazioni già considerate valide come da lista pubblicata sul sito www.dcia.it

6)       Il Diploma D.C.P. è rilasciato ad ogni O.M. o S.W.L. che presenterà all’Award Manager IZ7FMQ, Massimo Ligonzo,  Corso Italia 304 – 74100 Taranto, quanto segue:

a)       Una lettera datata e firmata con la quale il richiedente attesta che sono stati rispettati i regolamenti del proprio paese e la lista dettagliata dei collegamenti in ordine di referenza, contenente i seguenti dati:

Referenza del Castello, nominativo, data, ora GMT, frequenza, modo, rapporto RST.

b)       Non è necessario inviare le cartoline QSL, è a descrizione del Manager, richiedere alcune fotocopie delle QSL a conferma di alcuni collegamenti.

c)       Il costo del diploma è pari a 5 Euro oppure 6US $.

7)Le classifiche dei radioamatori ed attivatori che hanno conseguito il D.C.P. saranno pubblicate sul sito della Sezione Ari di Taranto www.aritaranto.it ed aggiornate a discrezione del webmaster.

8)       Le referenze valide sono quelle attribuite dal Technical Award Manager D.C.I. della Sezione A.R.I. di Mondovi (Cuneo) ed  accreditate per il Diploma Castelli d’Italia.

9)       L’elenco dei Castelli della Puglia è consultabile sul sito Internet: www.aritaranto.it o www.dcia.it in altenativa è possibile richiederlo via e-mail all’Award Manager D.C.P. Massimo Ligonzo all’indirizzo iz7fmq@aritaranto.it

10)      Ai radioamatori che dimostreranno all’Award Manager di aver attivato almeno 20 Castelli della Puglia da almeno due diverse province, se richiesto, verrà rilasciato gratuitamente il Diploma D.C.P.- Attivatore.

11)   Il diploma D.C.P. consiste in una pergamena a colori personalizzata formato A4 o similari. Lo stesso potrà essere cambiato o personalizzato senza preavviso a discrezione dell’Award Manager.

12)   Chiunque abbia informazioni relative a Castelli non compresi nella directory, è pregato di inviare notizia al Technical Award Manager D.C.I.; il proprio nominativo verrà menzionato nella prima pagina della directory in qualità di contributore.

13)   Non sono richiesti aggiornamenti cadenzali, quindi ogni O.M. o S.W.L. può inviare l’aggiornamento ogni qualvolta lo ritenga necessario.

14)   L’attività ai fini del Diploma è considerata valida solo se saranno rispettati i seguenti requisiti:

La stazione (antenna, radio, alimentazione, ecc.) dovrà trasmettere ad una distanza massima dal Castello di 500 metri.

Dovranno essere effettuati almeno 100 collegamenti in HF o 30 collegamenti in VHF.

Dovranno essere effettuati almeno  50 collegamenti in HF o 15 collegamenti in VHF per una attivazione già convalidata.

Non è possibile attivare più di  2 referenze contemporaneamente:       in questo caso  l’attivatore potrà  accreditarsi  le     

2 referenze, ma ai fini dell’apposita classifica “operatore” varrà solo come 1 attivazione.

Fotocopia o supporto informatico dei Log, chiara documentazione fotografica comprovante l’attivazione (per i residenti necessita cartina topografica del proprio paese con la segnalazione della distanza tra la propria abitazione e la referenza), modulo per richiesta accredito delle operazioni ed eventuali autorizzazioni dovranno essere inviati al Technical Award Manager D.C.I. entro 15 giorni dall’attivazione via posta o via e-mail a: dci_info@tin.it

Al raggiungimento dei 500 QSOs già convalidati per la stessa referenza non sarà più necessario l’invio dei log e foto.

15)   I Castelli saranno considerati validi se riportati su mappa geografica scala 1:25.000 oppure sul Repertorio Generale dei Castelli e dei luoghi Fortificati d’Italia.

16)   I Castelli riceveranno un numero di riferimento composto nella seguente forma:

DCI-TA001     (Castello – Provincia + Numero progressivo).

17)   Definizione di Castello.  Per “Castello” s’intende:

castello, rocca, torre, bastione, casaforte, casatorre, cassero, città o borgo murato, cinta muraria, città bastionata, città fortificata, cittadella bastionata, fortezza, forte, ricetto, porta, palazzo ducale, palazzo bastionato, palazzo fortificato, villa castello, villa imperiale, edificio religioso fortificato, edificio agricolo fortificato, residenza fortificata e quant’altro legato all’architettura fortificata nata ed edificata per esigenze difensive a partire dal medioevo, rinascimento e sino alla seconda guerra mondiale.

Qualora alcune referenze DCP assegnate non rientrino nelle caratteristiche richieste, o che nel frattempo lo stato di conservazione è tale da non considerarlo più accettabile, è necessaria la cancellazione che potrà avvenire tramite l’apposito modulo predisposto.

 

Grafica di IZ7AUH Francesco Giacoia - Sito aggiornato da IZ7EUC Ciro Urselli - Tutto il materiale contenuto in questo sito di proprieta della Sezione ARI Taranto 36